IL SOCIALE E L’AMBIENTE PER IL MOTOCLUB TERREMOTO
Il sociale e l’ambiente sono l’altra anima del Motoclub terremoto, anche in questi campi i soci del Motoclub si sono distinti negli anni:

Il Motoclub organizza e collabora nell’organizzazione di numerose feste e sagre nel periodo estivo tra le quali ricordiamo la famosa la festa di San Lorenzo a "u prati de Meneca"

Grande attenzione è stata sempre prestata dal Motoclub Terremoto all’economia del proprio territorio, ed è con questo obiettivo che in occasione dei propri eventi è riuscito sempre a creare delle ampie sinergie e collaborazioni con le attività economiche ed artigianali locali coinvolgendole come partner negli eventi, ecco così che le strutture ricettive ed i ristoranti locali sono sempre stati beneficiati dalla massiccia presenza dei partecipanti agli eventi organizzati.

Importante collaborazione è nata nel 2012 tra il Motoclub Cantalice e l’Avis sezione di Cittaducale, gli sportivi del Motoclub periodicamente donano sangue e plasma all’Avis

Numerose le attività del Motoclub Terremoto per l’ambiente, ricordiamo ad esempio:

la ristrutturazione del noto rifugio di Cima di Monte in alta montagna presso il confine tra Cantalice e Leonessa situato proprio sulle direttrici di importanti sentieri CAI, il rifugio è aperto a tutti motociclisti, escursionisti e bikers, ma anche pastori e cacciatori che vi transitino e nel quale possono trovare rifugio :

la bonifica del Fosso di Lisciano, noto sentiero CAI e indispensabile collegamento tra la valle e l’alta montagna per tutti coloro che in quella zona hanno terreni agricoli, pascoli e boschi da taglio, il fosso era reso impraticabile dalle acque che si generano in occasione del disgelo dei ghiacci sul Monte Terminillo ed il Motoclub in occasione di uno dei suoi eventi nazionali, la gara di Enduro Italiano Major 2011, ha successivamente colto l’occasione per bonificarlo interamente a proprie spese garantendone così per tutti un lungo utilizzo

La bonifica del sentiero “Pra de Meneca” collegamento tra il paese di Cantalice e i pascoli e campi coltivati collina, sentiero divenuto nei decenni una mulattiera impervia, ma che in occasione di uno degli eventi organizzati dal Motoclub terremoto, la gara di enduro italiano under23-senior, ha successivamente colto l’occasione per bonificare interamente a proprie spese permettendo così agli agricoltori della zona di utilizzarlo nuovamente

Queste e molte altre iniziative sportive, sociali ed ambientaliste sono valse al Presidente del Motoclub Terremoto, Luciano Patacchiola, nel 2012 il premio Best Sport Manager 2012 come miglior dirigente sportivo della provincia di Rieti , nell’ambito del progetto “Per Amore dello Sport” realizzato dal Coni in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura Sport e Turismo della regione Lazio.

Il Motoclub Terremoto , più volte premiato come Motoclub più numeroso della zona, oggi conta oltre 100 soci effettivi e un vasto numero di sostenitori, molti sono motocilisti dell’enduro , altrettanti quelli della strada, ma molti sono anche i non motociclisti che però si sono resi disponibili a condividere i principi e le idee di questo bel gruppo.

Nuovi progetti sono alle porte e nuove sfide, sia sportive che sociali, ma sempre con gli ideali originari ben presenti, amore per il motociclismo e salvaguardia del territorio…..in una parola TERREMOTO